Ricominciamo… 2.0

Un bilancio

Perché un sito? Poco più di due anni fa inauguravo il mio sito proprio con questa domanda, con tante idee e tante aspettative. “Tra immagini e parole vuole essere uno spazio dedicato alla lettura di racconti e approfondimenti”, dicevo. “Non è un blog, lo dico e lo ripeto, e nemmeno una raccolta di pensieri, ma piuttosto un luogo dove poter dialogare con «i miei venticinque lettori».”

Inizialmente avevo pianificato una sola sezione, quella dei Racconti. Pensata soprattutto per la sottosezione «Ritratti», per la quale mi ero impegnato a pubblicare un racconto alla settimana. I «ritratti» dovevano essere una serie di descrizioni a parole di persone conosciute per qualche attimo, o forse solo immaginate, viste di sfuggita. Quelle «immagini care per qualche istante» delle Passanti di De André (se qualcuno, disgraziatamente, non conoscesse questa splendida canzone, la si può ascoltare su youtube), senza voler assolutamente paragonare nessuna parte di questo progetto alle poesie di De André o ai modelli di Brassens e Baudelaire.

I Ritratti volevano essere un omaggio, soprattutto a quelle stesse persone che ho descritto.

Sono riuscito nel mio intento, non ci sono riuscito? Secondo me, almeno in parte, sì. Alcuni ritratti sono riusciti, a mio parere, e sono particolarmente soddisfatto di alcuni di questi in particolare. Per questo ho deciso di operare una – come dire – potatura, una selezione del materiale finora pubblicato e riproporlo ripulito, rinfrescato e aggiornato, con nuovi disegni e nuove fotografie.

Resterà dunque attiva la sezione Avantesto. Spiegavo che “con avantesto si intende «l’insieme dei materiali preparatori raccolti, decifrati, classificati: da semplici liste di parole ad appunti e disegni, ai primi minimi abbozzi, fino a vere e proprie stesure» (Alfredo Stussi, Introduzione agli studi di filologia italiana, Il Mulino, Bologna 2011, 4a edizione, p. 158)”, e che “in realtà, il termine, come tutti i termini tecnici, è un po’ più specifico e preciso, ma mi sembrava comunque adatto alla sezione” L’angolo di quello che c’è dietro ai miei testi, dalle influenze alle revisioni, rimane. Forse addirittura più attivo, con un mio commento.

Io che consiglio…

Nel tempo è nata la rubrica Ti consiglio un libro, nella quale scrivo piccole recensioni. Non so ancora se resterà, se si amplierà. Vedremo…

So long e buona lettura!

Potrebbe interessarti anche...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *